× Per offrirti il miglior servizio possibile, questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookies

CONSULTAZIONI GRATUITE: ZERO SPESE AVVIO PRATICA

Notizie di Malasanità

TAGLIO CESAREO ABUSATO. SE OMESSO QUANDO NECESSARIO SCATTA IL RISARCIMENTO

10 Febbraio 2016

TAGLIO CESAREO ABUSATO. SE OMESSO QUANDO NECESSARIO SCATTA IL RISARCIMENTO

 

Il dibattito è acceso. Si tratta di un intervento utilissimo, spesso salvifico per mamma e bebè!

Ma in Italia sembra essere mal utilizzato: talvolta non si pratica quando ce ne sarebbe bisogno (e nascono i bambini portatori di handicap), spesso se ne abusa inutilmente.

Ma, dati alla mano, sembra che in Italia se ne faccia abuso con un trend in costante crescita: dall’11% del 1980 al 38% del 2008. Sembra che il ricorso al taglio cesareo sia determinato essenzialmente dalla sfiducia nell’organizzazione sanitaria che assiste le partorienti nelle delicate fasi del travaglio e del parto: scarsa professionalità di medici e ostetriche, nonché inadeguata attrezzatura diagnostica. Interessante il dato regionale, in linea con la triste tradizione del nostro Paese: si ricorre al taglio cesareo nel 23% dei casi nella Provincia autonoma di Trento e in Friuli-Venezia Giulia mentre si arriva al picco del 62% in Campania. 

Il dato europeo: l’Italia ha la più alta percentuale di tagli cesarei (38%), mentre ne fa l’uso più moderato la Slovenia (14%), seguita dall’Olanda con il 15% (Dati Istituto Superiore Sanità)

Peccato che in Italia, nonostante l’abuso del taglio cesareo, si assista ancora a tantissimi casi di nati con menomazioni dovute alla sofferenza fetale per l’eccessivo protrarsi dei tempi di travaglio. E si tratta proprio dei casi in cui le Linee Guide raccomandano il taglio cesareo. Forse, in Italia, sarebbe opportuno rimandare gli operatori ostetrico-ginecologici sui banchi di scuola??? Quantomeno i Campani…

Se avete avuto problemi con il taglio cesareo o, in generale, con il parto, potreste avere diritto ad un risarcimento per mamma e bambino. Chiedete una consulenza gratuita allo staff dello Studio legale Comini: 055-222030 - info@studio-comini.it