× Per offrirti il miglior servizio possibile, questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookies

CONSULTAZIONI GRATUITE: ZERO SPESE AVVIO PRATICA

Notizie di Malasanità

Sottovalutano la sofferenza del feto e non ne impediscono la morte: condannati medici e ospedale.

14 Settembre 2015

Una specializzanda e un professore dell’'ospedale Maggiore di Parma sono stati recentemente condannati per “aborto colposo”, la prima a 4 mesi di reclusione, il secondo a sei. Avevano visitato una donna all’ottavo mese di gravidanza gemellare e, nonostante il tracciato desse indicazioni precise di sofferenza del maschietto, non erano intervenuti in alcun modo, sottovalutando la situazione e rinviando alla data gia’ stabilita per il cesareo.

Dopo qualche giorno, il bambino moriva per arresto cardiaco.

Ordinato anche il risarcimento per i genitori,  150mila euro per la madre, 147mila per il padre.