× Per offrirti il miglior servizio possibile, questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookies

CONSULTAZIONI GRATUITE: ZERO SPESE AVVIO PRATICA

Notizie di Malasanità

NON ESEGUONO PROVE ALLERGICHE, PAZIENTE VA IN COMA: CONDANNATI ANESTESISTA E INFERMIERE

02 Giugno 2014

NON ESEGUONO PROVE ALLERGICHE, PAZIENTE VA IN COMA: CONDANNATI ANESTESISTA E INFERMIERE

Un architetto di 42 anni era andato in ospedale a Catania per togliere, in anestesia totale, i punti di sutura in metallo che gli erano stati posti dopo l'asportazione di un frammento di una radice di un dente dalla mascella ma è entrato in coma perche’ non venivano eseguite le prove ipoallergiche sulla tollerabilità alle sostanze contenute nell'anestesia.

A distanza di 4 anni il paziente e’ ancora in coma. Il Tribunale ha condannato a 6i mesi di reclusione infermiere e anestesista dell'ospedale Garidaldi di Catania, imputati di lesioni gravissime. Il giudice ha anche disposto una provvisionale di 80 mila euro per la moglie e i figli dell'uomo.