× Per offrirti il miglior servizio possibile, questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookies

CONSULTAZIONI GRATUITE: ZERO SPESE AVVIO PRATICA

Notizie di Malasanità

RESPONSABILITA' OCULISTICA IL PUNTO DELLA CASSAZIONE PENALE

25 Settembre 2012

RESPONSABILITA' OCULISTICA IL PUNTO DELLA CASSAZIONE PENALE

Si trattava di un caso in cui la  Corte d'appello " aveva, come detto, con adeguate argomentazioni e sulla base di un compiuto esame delle risultanze processuali, dato conto della ratio decidendi, in particolare affermando che "il F. è risultato affetto da glaucoma secondario da cortisone (circostanza pacifica, accertata dal ctu e risultante dalle cartelle cliniche in atti, oltre che dalle consulenze, tanto del F., quanto della stessa società assicuratrice in giudizio); tale patologia è stata causata (altra circostanza inoppugnabile, ammessa sia dal ctu sia dai consulenti di parte) dall’uso protratto del collirio a base di cortisone; anzi, precisando meglio l’iter eziologico, l’abuso di cortisone provoca l’ipertensione oculare, a sua volta responsabile della patologia glaucomatosa.
Sicchè si può affermare con certezza che il nesso di causalità tra l'uso del farmaco in questione e l'evento lesivo è stato accertato al di là di ogni ragionevole dubbio" e che ".... ebbene, a fronte di tali dichiarazioni, si può dire che la realtà è un’altra, posto che l’appellante ha prodotto la prescrizione della visita specialistica oculistica del dr. I. che reca la data del .....  (la visita fu effettuata poi appena due giorni dopo). Quindi, a stare alla stessa versione dell'I., egli sin dalla primavera del 1991 accerta la gravità della situazione, ma non si perita di prescrivere immediatamente una visita specialistica, dal momento che è inconfutabilmente provato che la sua prescrizione reca la data del 4.12.1991”, per poi concludere, con riguardo al consenso informato, che “l’I., pur gravato dell’onere di provare di aver adempiuto all’obbligo di informazione, ha mancato la prova; inoltre, le risultanze processuali consentono di affermare che l’unica visita specialistica prescritta è quella del 4.12.1991, quando ormai la malattia era anella fase irreversibile”.

FONTE ALTALEX